Il Portadocumenti: Must Have P/E 2013 come portarlo?

Scritto da il in

Negli anni ’90 lo zaino era l’accessorio più utilizzato da uomini e donne; nel primo decennio del 21esimo secolo il marsupio griffato era diventato un must per il mondo maschile; negli ultimi due anni si è assistito all’introduzione nel mercato della moda mondiale di un accessorio versatile, elegante, utile e molto chic: il portadocumenti.

Tutte le collezioni dei più grandi designers internazionali hanno presentato almeno un portadocumenti e la sua storia è totalmente di ispirazione made in Italy; rappresenta la versione maschile della baguette femminile.

Può essere piccolo, grande, monocolore, con più colori, con rifiniture pregiate, nella maggior parte dei casi di pelle, ma può essere anche di altri tessuti, borchiato o liscio, con cerniere oppure con chiusura a cartella.

Abbiamo selezionato dalle passerelle della P/E 2013 i più bei portadocumenti che noi di Menabò vorremmo nel nostro guardaroba: Ermanno Scervino lo propone solo come accessorio da giorno e sportivo, capiente e versatile per molte occasioni; Salvatore Ferragamo nella sua bellissima e coloratissima collezione primaverile lo propone in chiave leggera come semplice accessorio da tenere in un pugno di mano, come se dovesse essere mantenuto vuoto e servisse solo per completare un look; Giorgio Armani come sempre pragmatico lo propone nella sfilata di Emporio Armani come se fosse una cartella, decisamente utile per andare all’università, in viaggio o per un impegno lavorativo; il sobrio Andrea Incontri lo propone sia da giorno che da sera, sia con l’abito che con un look sportivo; per Corneliani il portadocumenti è un must da 4 collezioni e rimane sempre uno dei più eleganti; Gucci lo propone in chiave colorata con il manico per renderlo più comodo da portare.

Noi abbiamo già scelto e voi quali di questi vorreste?

Schermata 02-2456346 alle 13.00.24

Tags: