Louis Vuitton presenta a Roma “Alberto Sordi”

Scritto da il in

Nel decennale della scomparsa di Alberto Sordi, lo Spazio Etoile Louis Vuitton di Roma rende omaggio al grande attore e regista italiano, presentando una serie di cortometraggi tratti dai alcuni dei più bei film a episodi che hanno reso celebre la commedia all’italiana nel corso di più di trent’anni di cinema.

Louis VUitton_Locandina_Alberto Sordi

Nato a Trastevere, romano nel cuore e nell’anima, Sordi è riuscito nella sua carriera a disegnare e rendere eterni dei personaggi indimenticabili che ne hanno fatto uno dei più grandi interpreti del nostro cinema. Intepretando più di 150 film e realizzandone 18 come regista, Alberto Sordi ha portato sullo schermo qualità e difetti degli italiani, vestendo i panni del tipo, cinico, semplice, furbo, ingenuo, egoista, conformista, vigliacco e arrangione, prepotente con i deboli e ossequioso con i forti.

Con i cinque episodi, appartenenti ai film collettivi più celebrati della cinematografia italiana, Louis Vuitton omaggia il genio e l’umanità del camaleontico attore e regista, 

In  ‘I miei cari’ di Mauro Bolognini, tratto da “La mia signora” del 1964, Sordi, in coppia con Silvana Mangano, indossa la maschera patetica di un marito malato trattato con feroce indifferenza dalla moglie e dalla suocera, mentre in “La Famiglia”, episodio di Nanny Loy del 1965 da “Made in Italy”, interpreta il ruolo del marito cinico e spavaldo, famelico cacciatore di dote.

Uno dei personaggi più cari al pubblico, il borgataro Giacinto Colonna, appare, vestito a festa, in “Cinema a luci rosse” primo episodio, con regia dello stesso Sordi, del film “Il Comune senso del pudore”, classica commedia all’italiana e implacabile satira del costume degli Anni ’70. Giocando tra sacro e profano, Alberto Sordi nei panni di un monsignore tutt’altro che spirituale è tentato da una provocante Stefania Sandrelli nell’episodio “L’ascensore”, diretto da Luigi Comencini, dal film “Quelle strane occasioni”. A completare il programma, uno dei suoi più riusciti travestimenti, il nobile snob e sfaccendato Giovan Maria Catalan Belmonte, in “First Aid”,  uno degli sketch più divertenti de ‘I nuovi mostri’, capolavoro cult della comicità italiana e con la regia di Mario Monicelli.

Louis Vuitton_Roma Etoile_facade_1

Lo spazio Etoile è situato al secondo piano della Maison Louis Vuitton di Roma in Piazza San Lorenzo in Lucina 41 e circondato dalle più belle creazioni Louis Vuitton e da una libreria dedicata al cinema e suoi miti, lo Spazio Etoile riprende il nome di uno degli spazi più cari ai romani: l’emblematica sala cinematografica “Etoile”. Costruita nel 1907, all’epoca d’oro dei film muti, con il nome di “Lux et Umbra”, rinominata “Etoile” negli anni ’70 , la sala fu la sede d’elezione e il punto di riferimento per la cinefilia romana, ospitando prime visioni, cerimonie, proiezioni eccezionali e eventi culturali, sino alla sua chiusura  nel 1991.

Nel gennaio 2012 Louis Vuitton ha riportato in vita “Etoile” nel rispetto della straordinaria storia dell’edificio, offrendo a tutti i visitatori la possibilità di assistere a proiezioni di cortometraggi d’autore su grande schermo, con una programmazione periodica, selezionata intorno a tematiche ben precise. 
Un omaggio della Maison alla capitale del cinema e alle leggende che Roma, l’affascinante città della dolce vita, la Hollywood sul Tevere, ha saputo creare nel tempo.

Louis Vuitton_Spazio Etoile_2

Louis Vuitton_Spazio Etoile_1

Louis Vuitton_Spazio Etoile_3

Tags: