Menabò vi presenta la White Gallery, lifestyle store a Roma

Scritto da il in

All‘EUR, uno dei quartieri più nuovi e più lussuosi della Capitale, in Piazza Guglielmo Marconi 18, si sviluppa su tre piani, per un totale di 5000 metri quadrati, uno dei più imponenti centri della moda: la White Gallery; inaugurata nel 2009, si è definita come il luogo capitolino per eccellenza dove dar libero sfogo al proprio stile, mischiando brand internazionali, tra i più noti Dior, Givenchy, Marc Jacobs, Martin Margiela, Neil Barret, Balmain, Jil Sander, Jimmy Choo, Stella McCartney, Alexander Mc Queen, Burberry, Ralph Lauren, Céline, Chloè, ed italiani, tra i più noti Fendi, Gucci, Hogan, Tod’s, Salvatore Ferragamo, Valentino Garavani, per soddisfare qualsiasi esigenza.

Questo gigantesco store si caratterizza per l’eleganza con cui si presenta e per la cura nei dettagli, senza lasciare nulla al caso e dove lo shopping diventa un’esperienza multi-sensoriale. A differenza delle boutiques a cui siamo abituati, la White Gallery è un lifestyle store, perché non ospita solo preziosi capi d’abbigliamento maschili e femminili, accessori o fragranze (al piano terra), ma si possono trovare altre tre zone: al primo piano la Sartoria, in cui si possono confezionare abiti su misura, che al giorno d’oggi sono dei lussi che appartengono solo a coloro che vogliono essere unici e che non si accontentano di scegliere tra ciò che le grandi firme propongono, in cui la particolarità che ci ha colpito è poter vedere i sarti a lavoro; inoltre sempre al primo piano un Finest Food, che rappresenta uno spazio dedicato alla cultura del cibo, inteso come espressione di identità e stile di vita; al secondo piano si estende la Gallery, che è uno spazio espositivo dedicato ad arte ed eventi.
Menabò ha visitato la White Gallery, sotto la guida di Sara, e ha fotografato per voi tutto ciò che non potete perdervi; lusso, eleganza, unicità sono le parole d’ordine che caratterizzano questo vero e proprio tempio della moda in cui si entra e si assapora la sensazione di essere in un luogo in cui si deve osservare in silenzio i dettagli per goderseli al meglio. Questa struttura una volta ospitava il Palazzo dell’Arte Moderna; non a caso possiamo dire che entrando nella White Gallery abbiamo avuto l’impressione di entrare in un museo, dove al posto di sculture o opere pittoriche, l’arte veniva espressa attraverso abiti.
Fare shopping non significa solo comprare qualche capo di abbigliamento, ma è un modo per esprimere il proprio gusto, per condividere una passione, ma soprattutto per prendersi cura di se stessi; per chi è appassionato del mondo della moda non è importante solo comprare qualche capo di tendenza, ma è importante poter osservare e giudicare colori, tagli, abbinamenti che i grandi designers o gli emergenti ci propongono. Proprio per questi motivi le boutiques sono dei templi in cui i fashionisti accorrono per rigenerarsi.
Nella White Gallery la moda non si compra, si vive a 360° e lo shopping diventa un’esperienza, che si contrappone all’usanza di acquistare online.
Per vedere tutte le foto realizzate da Giacinto Mozzetta clicca qui

Tags: 

  • Mauro Barone

    complimenti a menabò per il post così dettagliato e preciso.. vedere attraverso voi questi luoghi e questi eventi è come viverli! dopo aver letto il vostro post non ho resistito ad andare alla white gallery anche solo per dare un’occhiata! 
    complimenti anche al fotografo Giacinto Mozzetta perché le foto sono molto belle ed i dettagli che ha colto sono splendidi! ho fatto anche un giro tra i suoi shopping e le sue foto sono veramente splendide!
    come sempre menabò è il top

  • Pingback: Strike a Pose | Menabò - Parole di Moda