“Outcalls” by Maurizio Fiorino

Scritto da il in

Se segui il suo diario online non puoi non restare incantato e sorpreso dai percorsi fotografici che propone.

Interazione a trecentosessanta gradi,  dove le passioni si fondono con le esperienze, dove nascono spunti di riflessione e talvolta audaci provocazioni. 

Foto reali, non patinate. Di quelle che ti restano in testa. Chiuse a chiave. Un po’ come quando sei spinto da un’incessante voglia di partire, visitare, conoscere, vivere dando te stesso al mondo come unico modo per non avere rimpianti.

Un flusso in continuo divenire, perché in fondo ogni istante che passa noi siamo già cambiati da qualcosa o qualcuno.

Da lunedi 7 Febbraio  fino al 13 marzo sarà possibile assistere sul sito ufficiale di Maurizio Fiorino a “Outcalls”, una raccolta di 30 foto indedite scattate durante i suoi viaggi nel 2010.

I collezionisti potranno anche acquistare alcuni scatti in un’area ad hoc sul sito. “Queste foto rappresentano me stesso e la mia vita quotidiana. Non sono quindi perfette”  ha scritto Maurizio nella prefazione che accompagna la mostra.

Outcalls è una parola che nasce dal mondo della prostituzione, un mondo che l’artista ama, frequenta e fotografa. Uno di quegli ambienti veri, dove il rischio e l’illegalità spingono a una sorta di ribellione.

“I do outcalls only” è la frase che usa chi si prostituisce quando non può ospitare il cliente.  Da qui nasce l’idea di nominare in questo modo la mostra.  Le foto, molto intime e personali, sono intervallate da diversi episodi, anche violenti, che l’artista ha fotografato e vissuto in prima persona.

«Se le guardo vedo me, e questo un pò mi fa paura. Non pensavo l’arte fosse così potente e che, fotografando tutti i giorni, la mia quotidianità diventasse la mia arte» dice ancora Fiorino.

Pensata e costruita esclusivamente per il web, come ogni altro lavoro di Maurizio, la mostra ha come seconda protagonista la musica “che c’era e c’è sempre, con la quale ho fumato centinaia di sigarette e che mi ha accompagnato anche quando ho smesso di drogarmi definitivamente”. E’ facile infatti leggere nel suo diario versi di canzoni.

Inizio già da ora il countdown per vedere Outcalls.  Complimenti Maurizio!

Tags: 

  • DG_VICTIMS

    Magnifica descrizione/recensione dell’evento …. mo ti affido pure il mio di blog e me lo segui per un po’ Andrea? Good

  • http://menabo.gqitalia.it Andrea Danese

    Grazie Ale! Mi fa piacere ti sia piaciuta e sono sicuro che ti piacerà anche la mostra sul sito. Non perderla e mi dirai! :) ;)